Rzym: nowa MIC Card z nielimitowanym wstępem do muzeów

Nowa karta MIC za jedyne 5 euro pozwala rezydentom zarówno włoskim jak i obcokrajowcom, studentom uniwersytetó publicznych lub prywatnych, nielimitowany wstęp przez 12 miesięcy do Muzeów w Rzymie. Przewidziane są jeszcze inne uprzywilejowania.

Dzieł sztuki, które można obejrzeć z kartą MIC jest ponad 20.000, wystaw tymczasowych 29 w 2018 roku.

Karta MIC jest w sprzedaży od 5 lipca 2018 roku.

 

Poniżej informacje w języku włoskim:

 

Campidoglio, dal 5 luglio arriva la rivoluzione MIC

La card per residenti e studenti a 5 euro per 12 mesi, ingresso illimitato in tutti gli spazi del sistema dei Musei Civici

 

 

Roma, 3 luglio 2018 – Dal 5 luglio il Sistema dei Musei Civici di Roma non sarà più lo stesso. Per chi vive e studia in città arriva la rivoluzione MIC, la nuova card che al costo di 5 euro per 12 mesi permetterà l’ingresso illimitato in tutti i Musei Civici. La MIC è disponibile per tutti i residenti, sia italiani che stranieri, i domiciliati temporanei e gli studenti delle università pubbliche e private della Capitale.

 

Chi avrà la card, ogni volta che lo desidera e senza pagare un biglietto d’ingresso, potrà entrare nei Musei Capitolini, alla Centrale Montemartini, ai Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali, al Museo di Roma in Palazzo Braschi, al Museo di Roma in Trastevere, ai Musei di Villa TorloniaCasino dei Principi / Casino Nobile / Casina delle Civette, al Museo dell’Ara Pacis, al Museo Civico di Zoologia e alla Galleria comunale d’Arte Moderna. Si potranno ammirare le collezioni permanenti, visitare le mostre temporanee, partecipare gratuitamente agli eventi, alle visite guidate e alle attività didattiche incluse nel costo del biglietto di ingresso al museo. Le opere esposte cui la MIC dà accesso sono oltre 20.000, le esposizioni temporanee 29 solo nel 2018.

 

Per chi acquisterà la MIC sono anche riconosciute condizioni speciali per visitare i Monumenti del Territorio – come il Foro di Cesare, il Ludus Magnus e il Fontanone del Gianicolo – aperti normalmente a gruppi e associazioni culturali esclusivamente su prenotazione allo 060608. I possessori della MIC pagheranno solamente il costo della visita guidata (attualmente obbligatoria) mentre il biglietto d’ingresso è gratuito. Per l’ingresso al museo del Circo Massimo valgono le stesse regole salvo il sabato e la domenica quando sarà ad accesso gratuito e libero con la MIC, senza necessità di prenotazione.

 

Gli spazi espositivi del Museo di Roma Palazzo Braschi e del Museo dell’Ara Pacis che hanno una bigliettazione separata – e che ospitano 3 mostre nel calendario 2018 – non sono inclusi nel circuito della MIC.

 

La nuova iniziativa ideata e promossa da Roma Capitale e realizzata da Zètema Progetto Cultura nell’ambito dei servizi per la Sovrintendenza Capitolina ai Beni culturali, permetterà a chi acquisterà la nuova card di trascorrere il proprio tempo libero per esempio tornando a scoprire i dettagli di un’opera come la Medusa di Bernini ai Musei Capitolini o la Poliminia alla Centrale Montemartini,le vedute di Piazza Navona allagata al Museo di Roma Palazzo Braschi o occupare il tempo di un’attesa tra un impegno e l’altro riscoprendo l’originale della statua equestre del Marco Aurelio. I possessori della MIC potranno trascorrere del tempo nei bellissimi Musei Civici, che saranno sempre di più musei aperti, accoglienti, ospitali.

 

Dove trovare la MIC? Sarà semplice acquistare la nuova card disponibile dal 5 luglio: basterà andare in uno dei musei del Sistema (ad esclusione di Casa Museo Alberto Moravia e il Museo di Casal de’ Pazzi e dei Musei del Territorio), nei Tourist Infopoint di Termini, Nazionale, Minghetti, Sonnino, Fori Imperiali, Navona, Castel Sant’Angelo, Ciampino Apt e Fiumicino Apt. Oppure si potrà acquistare direttamente sul sito www.museiincomuneroma.it (con l’aggiunta di 1 euro di prevendita) per poi ritirarla in uno dei musei del circuito. La card sarà valida per 12 mesi e sarà possibile rinnovarla. La Card sarà nominativa e andrà mostrata insieme ad un documento di riconoscimento direttamente all’ingresso del museo, senza passare per la biglietteria. Le Card acquistate nei Musei e nei Tourist Infopoint saranno immediatamente attive, mentre le card acquistate online verranno attivate al momento del ritiro in uno dei punti citati. Tutte le informazioni su www.museiincomuneroma.it e 060608.

 

Con la MIC si potrà inoltre usufruire di uno sconto del 10% nelle caffetterie e nei bookshop dei musei e sarà possibile accedere gratuitamente anche durante le aperture straordinarie dei musei (festività natalizie e pasquali, eventi serali a 1 euro come Musei in Musica e La Notte dei Musei).

 

 

MUSEI DEL SISTEMA MUSEI IN COMUNE – GRATUITI SOLO PER I POSSESSORI MIC

 

La MIC, al prezzo di 5 euro, consente 12 mesi di ingresso illimitato e gratuito anche nei Musei dei Sistema Musei Civici che prevedono un biglietto d’ingresso:

 

MUSEI CAPITOLINI, Piazza del Campidoglio

CENTRALE MONTEMARTINI, Via Ostiense 106

MERCATI DI TRAIANO – MUSEO DEI FORI IMPERIALI, Via Quattro Novembre 94

MUSEO DI ROMA, Piazza Navona 2

MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE, Piazza Sant’Egidio 1B

MUSEI DI VILLA TORLONIA (Casino dei Principi / Casino Nobile / Casina delle Civette)

Via Nomentana 70

MUSEO DELL’ARA PACIS, Lungotevere in Augusta

MUSEO CIVICO DI ZOOLOGIA, Via Ulisse Aldrovandi, 18

GALLERIA D’ARTE MODERNA, Via Francesco Crispi 24

 

I possessori della MIC hanno inoltre diritto all’ingresso gratuito nei siti storico artistici e archeologici della Sovrintendenza Capitolina aperti a gruppi e associazioni culturali esclusivamente su prenotazione allo 060608 (le visite guidate sono invece a pagamento): ACQUEDOTTO VERGINE, AUDITORIUM DI MECENATE, INSULA ROMANA SOTTO PALAZZO SPECCHI, LUDUS MAGNUS, MITREO DELL’ARA MASSIMA DI ERCOLE (Mitreo del Circo Massimo), MONTE TESTACCIO, NINFEO DI VIA DEGLI ANNIBALDI, PORTA ASINARIA, SEPOLCRI REPUBBLICANI DI VIA STATILIA, TROFEI DI MARIO E PORTA MAGICA, COLOMBARIO POMPONIO HYLAS, IPOGEO DI VIA LIVENZA, MAUSOLEO MONTE DEL GRANO, NECROPOLI OSTIENSE (Sepolcreto Ostiense), CASA DEI CAVALIERI DI RODI, MUSEO DEL TEATRO ARGENTINA, CISTERNA ROMANA DELLE „SETTE SALE”, AREA ARCHEOLOGICA DEL SEPOLCRO DEGLI SCIPIONI, NINFEO DELL’UCCELLIERA, INSULA DELL’ARA COELI, MAUSOLEO OSSARIO GARIBALDINO, FONTANONE DELL’ACQUA PAOLA (Fontanone del Gianicolo), CASINA DEL CARDINAL BESSARIONE, AREA SACRA DI S. OMOBONO, VILLA DI PLINIO A CASTELFUSANO, TORRE DELLA MOLETTA E AREA ARCHEOLOGICA DEL CIRCO MASSIMO, FORI IMPERIALI.

 

Resta invece a ingresso gratuito, per chiunque, a prescindere dal possesso della MIC, l’accesso ai seguenti piccoli musei del Sistema Musei in Comune: MUSEO NAPOLEONICO, MUSEO DI SCULTURA ANTICA GIOVANNI BARRACCO, MUSEO CARLO BILOTTI – ARANCIERA DI VILLA BORGHESE, MUSEO PIETRO CANONICA, MUSEO DELLE MURA, VILLA DI MASSENZIO, MUSEO DELLA REPUBBLICA ROMANA E DELLA MEMORIA GARIBALDINA, MUSEO DI CASAL DE’ PAZZI, CASA MUSEO ALBERTO MORAVIA.

 

 

LE COLLEZIONI PERMANENTI E I TESORI NEI MUSEI IN COMUNE

 

I Musei in Comune costituiscono un’offerta culturale varia ed eclettica per il prestigio e la particolarità delle sedi, per le diverse tematiche e per l’immenso valore del patrimonio esposto.

La ricca programmazione delle mostre temporanee al Museo di Roma in Trastevere trova senso, identità e confronti sempre nuovi con la collezione permanente, mantenendo un dialogo costante con i cambiamenti sociali e i loro riflessi nelle arti visive e nei media. La collezione permanente mostra gli aspetti salienti della vita popolare romana dalla fine del Settecento alla seconda metà del Novecento, filtrata attraverso i gusti e i convincimenti degli artisti e dei folkloristi che l’hanno rappresentata. In particolare, la collezione comprende una raccolta di dipinti, stampe, disegni e acquerelli, tra cui la famosa serie Roma pittoresca di Ettore Roesler Franz, esposta a rotazione per motivi conservativi. È possibile vedere tutti gli acquerelli che compongono l’intera serie, attraverso una postazione multimediale con i 119 acquerelli comprensivi di schede esplicative e di approfondimenti.

I Musei di Villa Torlonia, la più recente delle ville nobiliari romane dal fascino particolare dovuto all’originalità del giardino e alla ricca e inaspettata quantità di edifici e arredi artistici, possono essere luoghi di visite frequenti. Nel Casino Nobile, oltre alla ricca collezione della Scuola Romana, è possibile ammirare arredi e opere provenienti dalla Villa e dalla ricchissima collezione statuaria della famiglia Torlonia. È compresa nel percorso espositivo la ricostruzione della Camera da letto di Giovanni Torlonia (1872-1938), con i mobili che furono poi utilizzati da Benito Mussolini all’epoca della sua permanenza nella Villa stessa, dal 1925 al 1943.

La varietà dei materiali che arredano le stanze della Casina delle Civette offre al visitatore un percorso di grande interesse, alla continua scoperta di particolari inediti e suggestivi, tra gli esuberanti elementi decorativi dell’edificio e le opere che vi sono esposte. Tra le tante decorazioni, la presenza delle vetrate artistiche è la cifra distintiva del museo, che costituisce un “unicum” nel panorama artistico internazionale. Le vetrate artistiche sono prodotte tutte dal laboratorio di Cesare Picchiarini su disegni di Duilio Cambellotti, Umberto Bottazzi, Vittorio Grassi e Paolo Paschetto.

Un viaggio nel tempo, seguendo i molti racconti possibili della città: questo è ciò che offre il nuovo allestimento del Museo di Roma, a piazza Navona. In un susseguirsi di sale affrescate e perfettamente conservate nell’aspetto originario del settecentesco Palazzo Braschi, il percorso di visita è pensato come una narrazione continua, attraverso i temi che maggiormente hanno caratterizzato la città dal Seicento alle trasformazioni urbanistiche postunitarie e del Ventennio fascista. A queste ultime è dedicato il terzo piano del palazzo, con filmati dell’Istituto Luce e plastici restitutivi della ‘Roma sparita’.

I Mercati di TraianoMuseo dei Fori Imperiali sono un complesso archeologico unico al mondo: un “quartiere” che ha vissuto l’evoluzione della città dall’età imperiale ai giorni nostri, costantemente riutilizzato e trasformato, è un palinsesto completo della tecnica costruttiva antica e dei sistemi di produzione. Con i Fori Imperiali è anche il luogo della rappresentazione della propaganda imperiale, che consente di leggere la comunicazione del potere attraverso la maestosità delle strutture e delle decorazioni architettoniche di un’area archeologica unica al mondo; gli spazi interni ospitano mostre temporanee che approfondiscono i temi offerti del complesso monumentale.

La collezione della GAM raccoglie i nomi più significativi dell’arte italiana della prima metà del Novecento quali Carrà, de Chirico, Carena, Casorati, Capogrossi, Scipione, Cavalli, Afro, Severini, Trombadori, Morandi e molti altri, oltre a un significativo nucleo di opere della seconda metà dell’Ottocento. I capolavori della collezione sono esposti a rotazione e la Galleria si pone oggi come prezioso e insostituibile tassello nell’ampio e articolato panorama dell’offerta museale della Capitale: con una serie di mostre ed eventi ad ampio raggio, volti a valorizzare il patrimonio e attraversare con sempre nuove tematiche l’arte del XIX e XX secolo.

Il Museo dell’Ara Pacis, recente opera dell’architetto Richard Meier, ospita il monumento alla pace augustea, opera d’arte tra le più note di Roma per il suo ricco apparato decorativo, con il corteo delle massime cariche sacerdotali e dei membri della famiglia imperiale, guidati dallo stesso Augusto, le mitiche origini di Roma e le glorie augustee che hanno donato all’impero la possibilità di vivere tempi tanto felici da essere denominati seculum aureum. Attraverso la lettura dei rilievi è possibile legare il significato delle figurazioni con le trasformazioni urbane promosse da Augusto soprattutto in questa zona della città, dove spiccano i monumenti simbolo del periodo come il Mausoleo di Augusto e il Pantheon.

La Centrale Montemartini è un museo nel museo che accosta due mondi diametralmente opposti, l’archeologia classica e l’archeologia industriale, che ospita opere e reperti legati alla storia della città e delle sue principali aree archeologiche. Qui si possono ammirare i più importanti reperti provenienti da siti quali il Teatro di Marcello, l’Area Sacra di largo Argentina, il Parco degli Acquedotti con la Villa delle Vignacce e la necropoli della via Ostiense, solo per citarne alcuni.

 

Nel Museo Civico di Zoologia a oggi sono circa 5 milioni i reperti catalogati e inventariati, tra cui esemplari unici al mondo, come specie estinte e numerosi tipi, gli esemplari campione di una specie a cui si fa riferimento per identificare e classificare gli animali. Un affascinante percorso espositivo per temi – dalle condizioni di vita in ambienti estremi quali ghiacci perenni e abissi marini, agli scheletri di diversi esemplari, ai mammiferi più insoliti e rari e altro ancora – per conoscere la diversità animale, attraverso una partecipazione che stimola le capacità di osservazione e riflessione. Strumenti interattivi e ricostruzioni ambientali rendono il percorso sempre nuovo e adatto a ogni tipo di pubblico.

 

I Musei Capitolini, il più antico museo pubblico del mondo, tra i suoi numerosi tesori custodisce la più prestigiosa e ricca collezione di capolavori della scultura antica, la Raccolta Albani collocata a Palazzo Nuovo, con opere di grande bellezza e significato storico, fondamentali per la storia dell’arte antica. Sempre ai Capitolini, quasi un museo nel museo, la Pinacoteca ospita capolavori assoluti di Guido Reni, Tiziano, Caravaggio, che da soli valgono più visite.

Da scoprire, la Sibilla Cumana del Domenichino, che è stata scelta come immagine simbolo della MIC card.

Realizzato a Roma nel 1622 da Domenico Zampieri detto il Domenichino (Bologna 1581 – Napoli 1641), il dipinto (olio su tela, cm 138 x 103) è esposto nella Pinacoteca Capitolina ai Musei Capitolini. Secondo la tradizione, le Sibille (pagane) avevano preannunciato la nascita di Cristo, così come i profeti biblici. La loro raffigurazione nella pittura del Seicento era l’occasione per dipingere raffinate figure femminili, come questa realizzata da Domenichino, combinando insieme posa classica e morbida sensualità. La Sibilla Cumana è diventata nel tempo una delle immagini simboliche della sontuosa pittura del Barocco romano. Registrata nel Seicento e nella prima metà del Settecento nella collezione romana della famiglia Pio, la tela fu ceduta al pontefice Benedetto XIV nel 1750, insieme a numerosi capolavori della celebre raccolta, e fu destinata dal Papa alla Pinacoteca Capitolina, istituita da poco sul Campidoglio romano.

 

MOSTRE IN CORSO NEI MUSEI IN COMUNE – GRATUITE PER I POSSESSORI MIC

Al 3 luglio 2018

 

Traiano. Costruire l’Impero, creare l’Europa

MERCATI DI TRAIANO – MUSEO DEI FORI IMPERIALI | Fino 18 novembre 2018

 

Columna Mutatio – LA SPIRALE

MERCATI DI TRAIANO MUSEO DEI FORI IMPERIALI | Fino al 18 novembre 2018

 

Egizi Etruschi. Da Eugene Berman allo Scarabeo dorato

CENTRALE MONTEMARTINI | Fino al 31 ottobre 2018

 

Roma città moderna. Da Nathan al Sessantotto

GALLERIA D’ARTE MODERNA | Fino al 28 ottobre 2018

 

Dreamers. 1968: come eravamo, come saremo

MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE | Fino al 2 settembre 2018

 

Raffaele de Vico (1881-1969). Architetto e paesaggista

MUSEO DI ROMA | Fino al 30 settembre 2018

 

I Papi dei Concili dell’era moderna. Arte, Storia, Religiosità e Cultura

MUSEI CAPITOLINI | Fino al 9 dicembre 2018

 

Amin Gulgee “7”

GALLERIA D’ARTE MODERNA | Fino al 23 settembre 2018

 

Duilio Cambellotti. Mito, sogno e realtà

MUSEI DI VILLA TORLONIA – CASINO DEI PRINCIPI e CASINO NOBILE | Fino all’11 novembre 2018

 

Bosco magico. Gli alberi sciamanici di Paolo Martellotti

MUSEI DI VILLA TORLONIA – CASINA DELLE CIVETTE | Fino al 30 settembre 2018

 

WALLS. Le Mura di Roma. Fotografie di Andrea Jemolo

MUSEO DELL’ARA PACIS | Fino al 9 settembre 2018

 

La biblioteca del Principe. Libri d’Artista di Vittorio Fava

MUSEI DI VILLA TORLONIA – CASINA DELLE CIVETTE | Fino al 30 settembre 2018

 

Peter Kim. Sull’orlo della forma

MUSEO CARLO BILOTTI – ARANCIERA DI VILLA BORGHESE | Fino al 4 novembre 2018

 

Sylvia Plachy. When Will It Be Tomorrow

MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE | Fino al 2 settembre 2018

 

MOSTRE IN ARRIVO – GRATUITE PER I POSSESSORI MIC

dal 5 luglio a dicembre 2018

 

Joaquín Roca Rey. Le forme del mito

MUSEO CARLO BILOTTI – ARANCIERA DI VILLA BORGHESE | 5 luglio – 4 novembre 2018

 

I confini dell’Impero Romano – Il Limes Danubiano. Da Traiano a Marco Aurelio

MERCATI DI TRAIANO – MUSEO DEI FORI IMPERIALI | 6 luglio – 18 novembre 2018

 

Joseph Sudek

MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE | 19 luglio – 7 ottobre 2018

 

La Roma dei Re

MUSEI CAPITOLINI | 27 luglio – 27 gennaio 2019

 

David Rubinger

MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE | 7 settembre – 4 novembre 2018

 

Rolf Nowotny

MUSEO PIETRO CANONICA | 22 settembre – 28 ottobre 2018

 

Metamorfosi del quotidiano. Il fascino dei materiali Liberty e Déco nella collezione romana di Francesco Principali (1947-1999)

MUSEI DI VILLA TORLONIA – CASINA DELLE CIVETTE | 13 ottobre – 9 dicembre 2018

 

Lisetta Carmi. Fotografie

MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE | 17 ottobre – 17 febbraio 2019

 

ROMA/Formato ridotto. Vedute romane di Diego Angeli e visioni fotografiche di Simona Filippini

MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE | 16 novembre 2018 – 24 febbraio 2019

 

Villa Borghese di Giacomo Balla

MUSEO CARLO BILOTTI – ARANCIERA DI VILLA BORGHESE | 29 novembre – 17 febbraio 2019

 

L’acqua di Talete. José Molina

MUSEO CARLO BILOTTI – ARANCIERA DI VILLA BORGHESE | 29 novembre – 17 febbraio 2019

 

Alberto Bardi. Opere 1964/1984

MUSEI DI VILLA TORLONIA – CASINO DEI PRINCIPI | Fine novembre 2018 – Fine febbraio 2019

 

Ludwig Pollak. Archeologo e mercante d’arte (Praga 1868 – Auschwitz 1943). Da Giovanni Barracco a Sigmund Freud

MUSEO DI SCULTURA ANTICA GIOVANNI BARRACCO | 5 dicembre – 30 marzo 2019

 

Opere di Gerhard Gutruf

MERCATI DI TRAIANO – MUSEO DEI FORI IMPERIALI | 6 dicembre – 3 marzo 2019

 

Il mito rivisitato. Le maschere arcaiche della Basilicata di Nicola Toce

MUSEI DI VILLA TORLONIA – CASINA DELLE CIVETTE | 22 dicembre – 28 aprile 2019

MOSTRE A PAGAMENTO ANCHE PER I POSSESSORI MIC

fino a dicembre 2018

 

Sono a pagamento, anche per i possessori della MIC, le seguenti mostre negli spazi espositivi del Museo di Roma e del Museo dell’Ara Pacis, in quanto prevedono una bigliettazione separata. La Mic Card consente comunque l’ingresso gratuito al Museo e alla collezione permanente.

 

Canaletto 1697-1768   

MUSEO DI ROMA | Fino al 19 agosto 2018

 

Il sorpasso. 1946-1960. Quando l’Italia cominciò a correre

MUSEO DI ROMA | 19 settembre – 13 gennaio 2019

 

Ritratto di Marcello Mastroianni

MUSEO DELL’ARA PACIS | 26 ottobre – 6 gennaio 2019

 

EVENTI NEI MUSEI E APERTURE STRAORDINARIE – GRATUITI PER I POSSESSORI MIC

 

I possessori della MIC potranno accedere gratuitamente ai Musei anche in occasione di aperture straordinarie degli stessi per eventi come il NATALE NEI MUSEI, durante le festività natalizie, la PASQUA NEI MUSEI, durante le festività pasquali, MUSEI IN MUSICA e LA NOTTE DEI MUSEI, in cui si accede normalmente a 1 euro.

 

VISITE GUIDATE, INCONTRI E ALTRE INIZIATIVE – GRATUITE PER I POSSESSORI MIC

In programma al 3 luglio 2018

 

GALLERIA D’ARTE MODERNA

Via Francesco Crispi, 24

Incontri, presentazioni, reading, proiezioni, visite guidate nell’ambito della mostra “ROMA CITTÀ MODERNA. Da Nathan al Sessantotto” fino al 28 ottobre.

 

Incontri in mostra

Mercoledì 11 luglio 2018

ore 16,00 visita guidata alla mostra

ore 17,00 Sala espositiva piano I

La musica a Roma negli anni ’60. Ricordi, incontri, frammenti di storia. A cura di Marcello Panni (Accademico dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e Direttore artistico dell’Orchestra Sinfonica Siciliana).

 

Martedì 18 settembre 2018

ore 16,00 visita guidata alla mostra

ore 17,00 Sala espositiva piano I

L’altra metà dell’arte. Artiste a Roma nella prima metà del Novecento. A cura di Claudio Crescentini (Sovrintendenza Capitolina) e Francesca Lombardi (storica dell’arte).

 

Giovedì 27 settembre 2018

ore 16,00 visita guidata alla mostra

ore 17,00 Sala espositiva piano I

Da Cuba all’Europa, Alba de Céspedes: scrittrice-partigiana e poetessa-intellettuale con la passione per la vita. A cura di Angelo Favaro (Università degli Studi di Roma Tor Vergata) e Anna Pozzi (Università degli Studi di Roma Tor Vergata).

 

Giovedì 11 ottobre 2018

ore 16,00 visita guidata alla mostra

ore 17,00 Sala espositiva piano I

Roma. Punto e a capo. A cura di Silvana Cirillo (“Sapienza” Università di Roma), con la partecipazione di Andrea Minuz (“Sapienza” Università di Roma).

Reading: Brani scelti dalla letteratura su Roma, fra liberazione e contestazione, letti da Francesca Golia

 

Giovedì 18 ottobre 2018

ore 16,00 visita guidata alla mostra

ore 17,00 Sala espositiva piano I

La musica a Roma fra le due guerre. A cura di Alessandra Carlotta Pellegrini (Fondazione Isabella Scelsi). Introduce Daniela Vasta (Sovrintendenza Capitolina).

In collaborazione con Fondazione Isabella Scelsi.

 

Mercoledì 24 ottobre 2018

ore 16,00 visita guidata alla mostra

ore 17,00 Sala espositiva piano I

Tra arte e scrittura. La Roma di Palma Bucarelli e Alberto Moravia. A cura di Sandra Petrignani (scrittrice e giornalista) e Alessandra Grandelis (Università di Padova).

 

Venerdì 26 ottobre 2018

ore 16,00 visita guidata alla mostra

ore 17,00 Sala espositiva piano I

Franco Angeli: film, parole e documenti d’artista. A cura di Federica Pirani (Sovrintendenza Capitolina).

In collaborazione con Archivio Franco Angeli.

 

Sere d’arte e cultura

in collaborazione con Istituto Luce – Cinecittà

 

Venerdì 28 settembre 2018

ore 19,00 – 21,30 Chiostro/giardino

Proiezione del film L’uomo che non cambiò la storia, 2016, di Enrico Caria

Alla presenza del regista.

 

Martedì 2 ottobre 2018

ore 19,00 – 21,30 Chiostro/giardino

Incontri:

Le periferie romane negli anni ’50-’60 tra neorealismo in architettura e cultura moderna. Fermenti del post moderno e le attuali soluzioni iper-moderne a cura di Fulvio Leoni (Università Roma TRE)

La Roma di Mamma Roma a cura di Federica Capoferri (John Cabot University, Roma)

Reading: Periferie del mondo. Poesie e parole di Pier Paolo Pasolini lette da Mia Benedetta

Proiezioni: La stazione 1952, di Valerio Zurlini – Città nella città 1953, di Romolo Marcellini – Confidenze di un gatto 1953, di Giorgio Ferroni

 

Venerdì 5 ottobre 2018

ore 19,00 – 21,30 Chiostro/giardino

Incontri:

Roma68, da ‘Il PCI ai giovani!!’ a ‘l’insopportabile gioco della società dei consumi’. Arte come contestazione, a cura di Claudio Crescentini (Sovrintendenza Capitolina).

Materiali da un archivio, 1968. La scuola in rivolta, a cura di Giuseppe Garrera (Business School, Sole 24 Ore)

Reading: Scritti del ’68 letti da Marco Varriale.

Proiezione: Cinegiornali del Movimento Studentesco, 1968. Interviene Silvano Agosti (regista).

 

L’opera della domenica

Visite guidate che offrono punto di vista alternativo al percorso della mostra mediante l’analisi di un’opera simbolo, fra conferme e riscoperte.

 

8 luglio ore 11,00

Scipione, La via che porta a San Pietro (borghi), 1930, a cura di Claudio Crescentini

30 settembre ore 11,00

Lorenzo Vespignani, Case di Trastevere, 1959, a cura di Francesca Lombardi

7 ottobre ore 11,00

Mario Ceroli, Goldfinger/Miss, 1964, a cura di Daniela Vasta

14 ottobre ore 11,00

Nino Costa, Alla fonte. La Ninfa del bosco, 1862-’97, a cura di Arianna Angelelli

21 ottobre ore 11,00

Eva Quajotto, Demolizioni intorno all’Augusteo, 1937, a cura di Francesca Lombardi

28 ottobre ore 11,00

Enrico Lionne, Violette, 1913, a cura di Arianna Angelelli

 

MUSEI DI VILLA TORLONIA – CASINA DELLE CIVETTE

Via Nomentana, 70

Domenica 2 settembre 2018 ore 11,30

“Passeggiata nel bosco”. Visita guidata con l’artista Paolo Martellotti e Tiziana Gazzini.

Iniziativa nell’ambito della mostra “Bosco magico, gli alberi sciamanici di Paolo Martellotti”

 

MUSEI DI VILLA TORLONIA – CASINA DELLE CIVETTE

Via Nomentana, 70

Domenica 2 settembre 2018 ore 16,30

Visita guidata della mostra “La Biblioteca del Principe. Libri d’Artista di Vittorio Fava” con l’artista che legge alcuni suoi testi.

 

 

BOOKSHOP E CAFFETTERIE DEI MUSEI IN COMUNE – SCONTO 10% PER I POSSESSORI MIC

  

I possessori della MIC hanno diritto a uno sconto del 10% nelle caffetterie dei Musei in Comune – attualmente presenti al Museo di Roma, ai Musei Capitolini e al Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese – e a uno sconto del 10% nei bookshops e punti vendita di Musei Capitolini, Centrale Montemartini, Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali, Museo dell’Ara Pacis, Museo di Roma, Musei di Villa Torlonia, Museo Civico di Zoologia, Galleria d’Arte Moderna, Museo di Roma in Trastevere, Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco, Museo Napoleonico, Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese, Museo Pietro Canonica, Museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina, Museo delle Mura, Villa di Massenzio.




Dodaj komentarz

Twój adres email nie zostanie opublikowany. Pola, których wypełnienie jest wymagane, są oznaczone symbolem *