Mediolan: prezentacja książki Tadeusza Kantora


Zapraszamy na prezentację książki Tadeusza Kantora
Scritti vol. 1: 1938-1974 (Editoria & Spettacolo), która odbędzie się 28 maja 2019 o godz. 17 w Chiostro Nina Vinchi del Piccolo Teatro.

Spotkanie poprowadzą Silvia Parlagreco (opracowanie), Ludmila Ryba (tłumaczka) i krytyk teatralny Renato Palazzi.

Prezentację przygotowano we współpracy z Konsulatem Generalnym RP w Mediolanie

Więcej informacji na stronie: link

PRESENTAZIONE  TRILOGIA

I tre volumi dedicati alla divulgazione del pensiero artistico di Tadeusz Kantor e alla conoscenza della sua opera pittorica e teatrale contengono esclusivamente testi autografi: dichiarazioni di poetica, manifesti, annotazioni sugli happening, partiture delle opere teatrali.

Gli scritti originali in lingua polacca sono depositati nell’archivio della Cricoteka di Cracovia; una pubblicazione integrale, in tre volumi, è uscita in Polonia nel 2005 .

Da questa edizione integrale polacca è tratta l’ampia selezione (di circa 1000 pagine) che sarà tradotta in italiano. Una parte ha già avuto in passato una pubblicazione in lingua italiana, purtroppo non sempre tradotta dall’originale polacco, che per questa edizione viene aggiornata oppure ritradotta dalla lingua originale.

La suddivisione in tre volumi segue il criterio cronologico.

Il primo libro comprende l’arco che va dal 1939 al 1974 : il periodo del teatro clandestino durante l’occupazione, ovvero gli spettacoli Balladyna da Słowacki e Il ritorno di Odisseo da Wyspiański, fondamentali, specie quest’ultimo, per la comprensione di tutta l’opera a venire;  la nascita del gruppo teatrale Cricot2, i testi del periodo ‘Informale’ e del successivo ‘Zero’ paralleli all’attività pittorica e teatrale con le performance tratte da Witkiewicz; i testi del periodo ‘Imballaggi’, gli ‘Happening/Cricotage’ con cui l’autore porterà per la prima volta il suo teatro fuori dalla Polonia su invito della città di Roma(1969) con La gallinella acquatica, fino al ‘Teatro Impossibile’ e le note allo spettacolo Le bellocce e i cercopitechi, anch’esso presentato in Italia negli stessi anni.

Il secondo libro copre gli anni 1975-1984 e inizia con il ciclo del ‘Teatro della Morte’, il manifesto che lo accompagna, i testi e la partitura dello spettacolo più famoso  di Kantor, La classe morta – l’opera che lo consacrerà internazionalmente come rinnovatore del teatro europeo del secondo Novecento;  il cricotage Où sont les neiges dantan, performance che fa da ponte tra La classe morta e il successivo Wielopole, Wielopole spettacolo corredato da alcuni testi fondamentali dell’artista sulle proprie concezioni teatrali.

Il terzo libro, anni 1985-1990, è dedicato ai testi e agli spettacoli dell’ultimo periodo: Crepino gli artisti, il libro Lezioni milanesi, il cricotage La macchina dellamore e della morte, Qui non ci torno più, il cricotage Stille Nacht e infine Oggi è il mio compleanno, e chiude con il testo che Kantor scrive a monito sulla necessità della trasmissione  della sua opera e del suo pensiero, dal titolo ‘Cricoteka’.

L’importanza di questa operazione editoriale va indicata nella offerta al lettore italiano di una visione in prospettiva dell’opera del grande artista polacco, dagli esordi fino alla fine. In questa ottica il primo volume assume una posizione fondamentale perché presenta testi che appartengono a un arco di tempo in cui l’autore non era ancora noto in Italia.

Inoltre, grazie all’edizione di così ampia portata, la creazione di Kantor apparirà finalmente nella sua forma totale: pittorico/teorico/teatrale, dando l’opportunità di approfondire la comprensione sia della più conosciuta attività teatrale sia della sfera artistico/pittorica, di correggere le inesattezze e soprattutto di sfatare molti luoghi comuni sorti per facile deduzione a causa della scarsa conoscenza delle fonti originali.




Dodaj komentarz

Twój adres email nie zostanie opublikowany. Pola, których wypełnienie jest wymagane, są oznaczone symbolem *