Artykuł prof. Piotra Glińskiego, Wiceprezesa Rady Ministrów, Ministra Kultury i Dziedzictwa Narodowego pt. „Państwo Polskie nie przestanie odzyskiwać polskich dóbr kultury”.

W 83. rocznicę wybuchu II wojny światowej przekazujemy artykuł prof. Piotra Glińskiego, Wiceprezesa Rady Ministrów, Ministra Kultury i Dziedzictwa Narodowego pt. „Państwo Polskie nie przestanie odzyskiwać polskich dóbr kultury”.

Prof. Piotr Gliński, vicepresidente del Consiglio dei ministri, Ministro della cultura e del
patrimonio nazionale


Lo Stato polacco non smetterà di recuperare i beni culturali polacchi


Con lo scoppio della Seconda guerra mondiale, la Germania iniziò una campagna coerente e
deliberata per cancellare la Polonia dalla mappa dell’Europa. La nazione polacca doveva
essere privata della sua élite intellettuale, della sua identità e della sua indipendenza. La
distruzione e il saccheggio non risparmiarono la cultura polacca. Letteratura, musica, cinema,
teatro, arti visive: tutti i settori della cultura subirono perdite irreparabili, che si fanno sentire
ancora oggi.
La Polonia perse il maggior numero di cittadini a causa della Seconda guerra mondiale in
proporzione alla sua popolazione prebellica. Un cittadino prebellico polacco su sei morì. Le
perdite subite in seguito allo sterminio delle élite – professori, ingegneri, avvocati, politici,
sacerdoti, studenti, persone di cultura – non possono essere scontate. La loro morte inibì per
molti anni la formazione di nuove élite intellettuali e artistiche e rallentò lo sviluppo della
cultura polacca.
C’è solo un ambito in cui l’ingiustizia storica causata dalle azioni delle forze di occupazione
può essere almeno parzialmente riparata: i beni culturali, saccheggiati, ma non distrutti, e
portati via dalla Polonia, possono ancora tornarvi.
Le perdite belliche polacche si trovano in tutto il mondo, sia in collezioni pubbliche che
private. Le generazioni successive spesso non conoscono la storia e l’origine di questi oggetti.
Molte volte non sono nemmeno consapevoli del modo distruttivo in cui le autorità di
occupazione trattarono il patrimonio culturale in territorio polacco. Le perdite di beni culturali
mobili in Polonia sono stimate essere di oltre 516.000 esemplari, i musei da soli furono privati
di circa il 50% delle loro collezioni e la perdita delle biblioteche è stimata al 70% della loro
condizione prebellica. Tuttavia, queste stime sono certamente sottovalutate, poiché anche la
documentazione delle collezioni e delle biblioteche fu solitamente requisita o deliberatamente
distrutta.
Fin dai primi giorni di guerra, le collezioni d’arte polacche furono un campo di lotta per la
sfera d’influenza tra i rappresentanti delle massime autorità del Terzo Reich: il Reichsführer –
SS Heinrich Himmler, il feldmaresciallo della Luftwaffe Hermann Göring e Hans Frank – il
Governatore generale delle terre polacche occupate. Nei territori occidentali della Polonia, che
erano stati incorporati nel Reich, c’era un ufficio nominato da Göring – Haupttreuhandstelle
Ost, mentre il governo generale creato dai territori occupati era sede di un comando speciale –
Einsatzkommando Paulsen, che operava all’interno della struttura dell’organizzazione
“Ahnenerbe”, nominata da Himmler, un plenipotenziario speciale per la redazione di un
inventario e la messa in sicurezza delle opere d’arte e dei monumenti culturali. Vi erano poi il
dottor Kajetan Mühlmann, inviato a Cracovia da Göring, il plenipotenziario speciale di Hitler
per la creazione del museo del Führer a Linz, il dottor Hans Posse e, infine, lo stesso
governatore generale Hans Frank, che non vedeva di buon occhio le attività di tutte le altre
unità coinvolte nel saccheggio di opere d’arte.
I tedeschi violarono consapevolmente le disposizioni della Convenzione dell’Aia, ma
cercarono di dare al saccheggio una parvenza di legalità. Sia nei territori polacchi incorporati
nel Terzo Reich che nel Governo Generale furono emanate circolari e regolamenti che
sancivano la requisizione di opere d’arte da collezioni private, ecclesiastiche e anche
pubbliche. Il saccheggio delle collezioni pubbliche nel contesto dell’Europa occidentale fu un
evento senza precedenti e non si verificò in altri Paesi occupati, come i Paesi Bassi o la
Francia, ad esempio. Le persone direttamente coinvolte in questa procedura non furono scelte

a caso: si tratta di storici tedeschi e austriaci titolati, storici dell’arte e archeologi, dipendenti
di musei, università e istituti di ricerca.
Le azioni delle forze di occupazione in territorio polacco erano guidate dal pensiero di Joseph
Goebbels: “La nazione polacca non è degna di essere chiamata nazione di cultura”. La
distruzione della cultura polacca fu attuata anche attraverso il suo deliberato deprezzamento. I
tedeschi stavano dimostrando la dipendenza dell’arte che si stava sviluppando nelle terre
polacche dall’arte tedesca o il suo scarso valore artistico indipendente. Nell’introduzione al
catalogo Sichergestellte Kunstwerke im Generalgouvernement, che riassumeva il lavoro del
team di Mühlmann e che conteneva la descrizione di oltre 520 opere d’arte di grande valore
requisite dalle collezioni polacche, si legge: “Sembra superfluo parlare di uno sviluppo
indipendente della cultura polacca nei periodi storici. Ci sono opere d’arte con caratteristiche
tedesche, ci sono opere olandesi o fiamminghe, che nel loro spirito e nel loro carattere non
esprimono altro che l’essenza tedesca e la forza della cultura tedesca”.
Arrivato in Polonia nel novembre 1939, il dottor Hans Posse – direttore della Gemäldegalerie
di Dresda e plenipotenziario speciale di Hitler per la costruzione del museo del Führer a Linz

  • scrisse ironicamente: “A Cracovia e Varsavia ho potuto visitare collezioni pubbliche e
    private e proprietà ecclesiastiche. Il sopralluogo ha confermato la mia ipotesi che, ad
    eccezione di opere d’arte di altissimo livello già conosciute in Germania, ovvero la pala
    d’altare di Wit Stwosz e i dipinti d’altare di Hans Süss di Kulmbach, provenienti dalla chiesa
    di Santa Maria a Cracovia, Raffaello, Leonardo e Rembrandt della collezione Czartoryski e
    alcuni reperti del Museo Nazionale di Varsavia, non ci sono molti reperti che possano
    ampliare la collezione di pittura tedesca”.
    Il saccheggio tedesco, istituzionalizzato ed esteso, fu accompagnato da attività di requisizione
    non documentate da parte di dignitari tedeschi e delle loro famiglie, che si appropriavano di
    opere d’arte per decorare, ad esempio, uffici, quartieri e appartamenti. Nel 1944, la
    consapevolezza dell’imminente sconfitta della Germania e lo spostamento del fronte orientale
    portarono una nuova ondata di saccheggi – furti comuni compiuti anche da soldati semplici.
    Così, oltre alla campagna di saccheggio pianificata, molte opere d’arte delle collezioni del
    Museo Nazionale di Varsavia e di altre collezioni polacche, anche private, furono
    saccheggiate e trasportate nelle profondità del Reich.
    La Germania non fu l’unico Paese a distruggere e saccheggiare i beni culturali polacchi. Nei
    Paesi di confine orientali della Repubblica, che furono incorporati nell’URSS, le proprietà
    private furono confiscate, le chiese, spogliate, furono trasformate in magazzini e le opere
    d’arte evacuate nei Paesi di confine, dalla Polonia centrale e occidentale, furono sequestrate
    dall’Armata Rossa. La seconda fase del saccheggio sovietico fu l’offensiva del Fronte
    Orientale, che fu seguita dalle brigate trofeo. Queste unità, composte da specialisti in vari
    campi dell’arte, dovevano occuparsi di compensare l’URSS per le perdite inflitte dai tedeschi
    dopo lo scoppio della guerra germano-sovietica. Tuttavia, presto apparve evidente che la
    compensazione prevista si trasformò nella solita brutale rapina, che non escluse nemmeno i
    monumenti polacchi. I depositi per le opere d’arte saccheggiate creati dai tedeschi furono
    annessi dai sovietici. Alcuni di questi oggetti furono poi restituiti durante l’era comunista
    come doni della “fraterna nazione sovietica”, ma molti riposano ancora nei magazzini dei
    musei russi.
    Il saccheggio diffuso e deliberato delle opere d’arte polacche da parte degli occupanti tedeschi
    e sovietici lasciò uno struggente senso di perdita nella cultura polacca. Una perdita che,
    nonostante siano passati più di 80 anni dallo scoppio della Seconda guerra mondiale, è ancora
    palpabile e dolorosa. Il database delle perdite belliche, gestito dal Ministero della cultura e del
    patrimonio nazionale polacco, conta quasi 66.000 oggetti, che sostituiscono il numero stimato

di 516.000 opere perdute. Il Ministero della cultura polacco non smette di impegnarsi per
documentare, cercare e recuperare le opere d’arte perdute, proseguendo così il lavoro
intrapreso dai professionisti museali, dagli archivisti e dai bibliotecari polacchi, che hanno
iniziato ad elencare le perdite di collezioni, archivi e fondi librari già nel settembre 1939. Il
Ministro della cultura, nell’ambito di un programma speciale, stanzia ogni anno dei fondi per
condurre ricerche sulle collezioni perdute. Dal 2017, come risultato di queste attività, il
database delle perdite belliche ha potuto arricchirsi di quasi 3.000 voci di oggetti
precedentemente non identificati, persi a causa della Seconda guerra mondiale. Le
informazioni contenute nel database sono la base per la ricerca e la successiva restituzione
delle opere d’arte perdute durante la guerra.
Le attività di restituzione condotte dal Ministero della cultura e del patrimonio nazionale della
Repubblica di Polonia, così come i numerosi progetti di informazione ed educazione realizzati
nel corso degli anni, contribuiscono a sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema delle perdite
di guerra. L’effetto tangibile di queste attività è un aumento della quantità di informazioni sul
possibile luogo di conservazione dei beni culturali ricercati e dei gesti – purtroppo isolati – di
persone che restituiscono alle collezioni di provenienza le opere d’arte sequestrate dai loro
antenati. È quanto ha fatto un cittadino tedesco che ha restituito un dipinto di Franciszek
Mrażek, Sul focolare, saccheggiato durante la Seconda guerra mondiale da suo nonno, il quale
era di stanza come ufficiale della Wehrmacht nel palazzo di Spala. Alla fine del 2018, anche
una lekyt a figure rosse, un vaso antico rubato dalle autorità naziste, è stata restituita alla
collezione del Museo Nazionale di Varsavia da un proprietario privato tedesco. Il
Kunstgewerbemuseum di Dresda, invece, ha restituito al Museo del Palazzo di Re Giovanni
III di Wilanów una scrivania e un armadio in stile cinese, identificati come perdite belliche
polacche a seguito di una ricerca sulla provenienza effettuata dai professionisti del museo di
Dresda.
Sebbene questi singoli casi siano incoraggianti, occorre ricordare che si tratta di una goccia
nell’oceano dei beni culturali saccheggiati, conservati e spesso nascosti in collezioni private.
Solo un cambiamento di atteggiamento da parte delle autorità e una modifica della
legislazione di Paesi come la Germania, dove le opere d’arte saccheggiate e sottratte alla
Polonia durante la Seconda guerra mondiale sono ancora conservate e messe in vendita, può
far sì che i cittadini di questi Paesi siano chiamati a restituire questi oggetti alle loro collezioni
di origine.
Ricordiamo e facciamo sentire che i casi di saccheggio dei beni culturali non cadono in
prescrizione, non solo nella dimensione etica e morale, ma anche nella sfera del diritto
internazionale. Data la particolare natura delle opere d’arte e il loro valore immateriale, la
restituzione degli oggetti saccheggiati al luogo in cui sono stati rubati è la forma di
riparazione più appropriata, indipendentemente da soluzioni come il risarcimento, la
digitalizzazione o la realizzazione di copie. La restituzione è un processo continuo e senza
fine e lo Stato polacco non smetterà mai di perseguirlo. Mentre entriamo in una nuova area di
restituzione dei beni culturali, come i recenti esempi di restituzione di beni coloniali
saccheggiati ai Paesi d’origine da parte dei musei dell’Europa occidentale, ricordiamo che la
restituzione delle opere d’arte saccheggiate durante la Seconda guerra mondiale è ancora
irrisolta.
Prof. Piotr Gliński
Il testo pubblicato contemporaneamente sulla rivista mensile polacca „Wszystko Co
Najważniejsze” nell’ambito del progetto realizzato con l’Istituto della Memoria Nazionale,
Instytut Pamięci Narodowej e con la Fondazione Nazionale Polacca.




Dodaj komentarz

Twój adres e-mail nie zostanie opublikowany.