Jak nas widzą

W internecie dostepny jest 17-stronnicowy dokument sporzadzony przez Enit Italia (Narodowa Agencja Turystyczna) oraz Ministerstwo Spraw Zagranicznych. Przedstawiona jest sytuacja Polski na 2011 rok oraz zainteresowanie Polakow Wlochami. Oto fragmenty tekstu w jezyku wloskim:

Flussi turistici e spesa turistica verso l‟Italia, principali destinazioni turistiche italiane:
Dopo un leggero decremento nel 2009, nel 2010 si sono registrati aumenti sia negli arrivi dei polacchi in Italia che nel numero di presenze. Gli arrivi in Italia nel corso del 2010, in base ai dati ufficiali ISTAT, sono stati di 888.472, con una sensibile crescita (+9,55%) rispetto all‟anno
precedente (811.024). Il numero delle presenze nel 2010 è stato invece di 3.736.189 con un incremento del 9,87% rispetto a
l 2009 (3.400.700). La classifica delle Regioni italiane scelte dai polacchi come meta di vacanze negli ultimi anni rimane pressoché
invariata. Secondo l‟ISTAT, nel 2009, la Regione che ha registrato i maggiori arrivi di turisti polacchi e‟ stata il Veneto
(162.215 arrivi; 20%), seguita dal Trentino Alto Adige
(125.605; 15,5%). Tra le mete preferite anche Lazio, Lombardia e Toscana, che hanno registrato rispettivamente 86.748, 84.819 e 84.672 arrivi, circa 10,5% del totale ciascuno.
Widok na okolice Chianti, Toskania

Widok na okolice Chianti, Toskania

L‟Emilia Romagna si colloca al sesto posto, con un numero di arrivi pari a 75.137 (circa 9,3%). Per quanto riguarda le presenze di turisti polacchi in Italia, si registrano soggiorni più lunghi in Trentino Alto Adige (841.177; circa il 24,7%), seguito dal Veneto (687.189; 20,2%).Lombardia ed
Emilia Romagna hanno registrato oltre 300.000 presenze, rispettivamente 364.300 (10,7%) e 311.101 (9,2%). Sempre ai primi posti, vi sono la Toscana (288.420; 8,5%) e il Lazio (250.120; 7,4%). Relativamente alto il numero delle presenze in Sicilia (109.306; 3,2%).
Posizionamento dell‟Italia rispetto ai principali
competitors:
Dopo due anni consecutivi in cui l‟Italia occupava il primo posto come meta turistica preferita, i dati statistici relativi ai primi 9 mesi del 2011 indicano che l‟Italia ha ceduto il posto alla Croazia, alla Repubblica Ceca ed alla Spagna. Si rafforza la posizione dell‟Egitto che ha velocemente
riconquistato i turisti polacchi dopo la crisi politica dei primi mesi del 2011, sottraendo clientela alla Tunisia, che secondo le statistiche ed i rapporti della stampa di settore non riesce a recuperare posizioni. Secondo i tour operators polacchi, l‟Italia rimane una delle destinazioni preferite per il turismo invernale, insieme alla Francia, nonché una delle mete preferite per i tour culturali,city breaks e pellegrinaggi.
Prospettive future relative all‟outgoing:
Secondo gli esperti di settore, l‟Italia, indipendentemente dalla stagione dell‟anno, rimarrà sempre tra le destinazioni preferite dai polacchi, grazie allo sviluppo delle linee low-cost e ai pacchetti city break (visite brevi nella grandi città e nelle capitali europee in occasione dei fine settimana e dei ponti). Bisogna comunque tenere presente i prezzi crescenti delle offerte per tutte le destinazioni e la tendenza sempre più diffusa di prenotare first minute.

 

Morze Tyrrenskie

Morze Tyrrenskie

Posizionamento e percezione del brand Italia:

L‟Italia continua ad essere vista come una delle mete preferite, in grado di offrire ogni tipologia di prodotto turistico desiderato, da quello più
ricercato (mare, montagna, città d‟arte) a quello di
nicchia (enogastronomia, sport estremi, outlet) fino a quello emergente o finora trascurato (turismo dei seniors, dei turisti con disabilità, turismo cinematografico).
Favorevoli anche le relazioni storiche tra Polonia e Italia, soprattutto per quanto riguarda i rapporti commerciali, politici e religiosi. L‟Italia deve anche la sua posizione pri
vilegiata agli appassionati di sci che sfruttano le vacanze
scolastiche invernali, nonché il ponte tra Natale e Capodanno, per visitare le stazioni sciistiche italiane più rinomate. It alia è da anni un sinonimo di
stile, moda, buona cucina, bei paesaggi, buon clima e „dolce vita‟.

Pelen tekst dokumentu znajduje sie tutaj.




Dodaj komentarz

Twój adres email nie zostanie opublikowany. Pola, których wypełnienie jest wymagane, są oznaczone symbolem *