Polska Gola! Milik is back! Stępiński a segno nella rimonta!

He’s back Dopo più di un mese fermo in infermeria per un infortunio all’addome, Arkadiusz Milik è tornato in campo con il suo Napoli, rendendosi protagonista di due ottime prestazioni. Contro ogni aspettativa, il polacco si è dimostrato subito in grande spolvero, siglando una tripletta in 45 minuti contro il Genk in Champions e un gol contro il Parma in campionato, che purtroppo non è bastato alla sua squadra per evitare l’ennesima sconfitta. Sia di testa che di piede Arek si sta confermando un top di reparto, capace anche di inserirsi nella manovra offensiva offrendo buoni palloni ai compagni. La scorsa stagione era riuscito a raggiungere quota 17 gol in serie A, quest’anno riuscirà a superarsi? Per ora è fermo a sei gol, ma c’è ancora tutto il girone di ritorno per riuscirci.

Gol-rimonta Nella pazza partita al Bentegodi di domenica pomeriggio tra Hellas Verona e Torino finita col risultato di 3 a 3, all’84 Stępiński ha segnato il fatidico gol della rimonta che ha mandato in delirio i suoi tifosi, increduli e felicissimi per l’insperato pareggio. Mariusz non vedeva il campo da quasi un mese (l’ultima gara disputata era stata contro la Fiorentina il 24 novembre) e fino adesso non era ancora riuscito a segnare in questa stagione, complice anche una forma fisica non ottimale dell’attaccante. Chissà se dopo questo gol importante riuscirà a essere nuovamente decisivo per la squadra di Juric…

Tutto normale Dopo qualche partita a digiuno dal gol, Robert Lewandowski è tornato a far esultare i tifosi del Bayern Monaco segnando una doppietta in campionato contro il Werder Brema, in una partita assai semplice per i bavaresi conclusasi sul risultato di 6 a 1. Nulla di cui stupirsi insomma, considerando i record collezionati dal polacco fino adesso in questa stagione: 18 gol in campionato, 10 in Champions League e 1 in Coppa di Germania. Numeri da capogiro che rendono orgogliosi i tifosi polacchi del loro gioiello indiscusso.

Super parata Parlando invece di chi i gol li evita e non li segna, nella partita di domenica sera tra Fiorentina e Inter (finita 1 a 1) a dimostrarsi decisivo per le sorti del match è stato Bartłomiej Drągowski. Al 43’, infatti, Lukaku impatta un cross di testa in area a pochi metri dalla porta ma il portiere viola con un guizzo felino evita il doppio svantaggio ai suoi. Una parata d’istinto ed estremamente difficile che conferma ancora una volta le doti di questo ragazzo di soli 22 anni. Sarà lui l’erede di Szczęsny per la Nazionale? Forse è ancora presto per dare giudizi, di certo Bartosz sta dimostrando ottime qualità che fanno ben sperare i tifosi.

Korespondencja: Leonardo Capobianco




Dodaj komentarz

Twój adres email nie zostanie opublikowany. Pola, których wypełnienie jest wymagane, są oznaczone symbolem *